Il Giardino delle Menzogne: un racconto scritto dallo Storico ed Esperto Davide Pegoraro.
Un estratto del libro composto da lettere, ricordi e pensieri, per raccontarvi la vera Storia.

Capitoli I-IV
Capitoli V-VIII
Capitoli IX-XII
Capitoli XIII-XVI

Davide Pegoraro (Padova-1975) è un profondo conoscitore della storia della Prima Guerra Mondiale sul fronte europeo.

Obiettore di coscienza, vive e lavora sul Monte Grappa dal 2004.

Fino al 2015 alla Baita Monte Asolone, Val dea Giara, poi in Val Tosella, gestisce, con la moglie Elena, l’omonimo rifugio a quota 1376 con annesso museo (di cui è curatore) dedicato ai bisnonni che combatterono nel 15-18.

Maggiore storico del luogo, guida ospiti e turisti in escursioni, in Italia e all’estero, alla scoperta delle trincee, postazioni e vestigia del passato.

Decorato della Croce Nera d’Austria e della Croce di Malta, è membro delle associazioni storico-culturali “Il Piave 15-18” e “Fronte sud Altopiano dei Sette Comuni”.

Ha pubblicato nel 2010 il documentario “Asolone 17-18” con Natalino Meneghin, nel 2012 il libro “Montagnard, 10 storie per 10 battaglie”, nel 2013 il libro di narrativa “L’ Angelo del Grappa” come coautore, nel 2014 “Ciò che resta, guida alla battaglia d’arresto sul Grappa tra l’autunno e l’inverno 17-18”, nel 2015 la guida  “I luoghi della Grande Guerra, Bassano del Grappa, Altopiano di Asiago, Monte Grappa” con Paolo Perini ed il racconto “Il bacio della Buonanotte” e nel 2016 il racconto “Il Giardino delle Menzogne”.

Collabora con enti pubblici e privati come consulente storico, organizzando convegni e mostre e svolge attività didattiche con scuole e gruppi.

Ha lanciato il progetto “Guerra, Montagne e Uomini”, per la divulgazione culturale dei temi legati al centenario 14-18.

Lo Storico

davide-pegoraro

Telefono:

+39 346 621 1036

Lo Storico

davide-pegoraro

Telefono:

+39 346 621 1036

Davide Pegoraro (Padova-1975) è un profondo conoscitore della storia della Prima Guerra Mondiale sul fronte europeo.

Obiettore di coscienza, vive e lavora sul Monte Grappa dal 2004.

Fino al 2015 alla Baita Monte Asolone, Val dea Giara, poi in Val Tosella, gestisce, con la moglie Elena, l’omonimo rifugio a quota 1376 con annesso museo (di cui è curatore) dedicato ai bisnonni che combatterono nel 15-18.

Maggiore storico del luogo, guida ospiti e turisti in escursioni, in Italia e all’estero, alla scoperta delle trincee, postazioni e vestigia del passato.

Decorato della Croce Nera d’Austria e della Croce di Malta, è membro delle associazioni storico-culturali “Il Piave 15-18” e “Fronte sud Altopiano dei Sette Comuni”.

Ha pubblicato nel 2010 il documentario “Asolone 17-18” con Natalino Meneghin, nel 2012 il libro “Montagnard, 10 storie per 10 battaglie”, nel 2013 il libro di narrativa “L’ Angelo del Grappa” come coautore, nel 2014 “Ciò che resta, guida alla battaglia d’arresto sul Grappa tra l’autunno e l’inverno 17-18”, nel 2015 la guida  “I luoghi della Grande Guerra, Bassano del Grappa, Altopiano di Asiago, Monte Grappa” con Paolo Perini ed il racconto “Il bacio della Buonanotte” e nel 2016 il racconto “Il Giardino delle Menzogne”.

Collabora con enti pubblici e privati come consulente storico, organizzando convegni e mostre e svolge attività didattiche con scuole e gruppi.

Ha lanciato il progetto “Guerra, Montagne e Uomini”, per la divulgazione culturale dei temi legati al centenario 14-18.