RITORNO ALLE ORIGINI DEL TRAIL

C’è corsa e corsa, c’è quella che recita così: “Vado a correre un’oretta”, oppure “Oggi corro la mia prima maratona” o invece.. “Mi alzo presto e quando il buio della mattina è ancora fitto, inizio a correre il Trail degli Eroi”.
Quando si corre per 46 km con 2500 metri D+, si sta eseguendo ben più del solo atto di correre, si compie un gesto che ci mette a confronto con il nostro corpo e con la nostra testa, spesso immersi in luoghi selvaggi e percorsi impegnativi.


Il trail nasce come una corsa di libertà, in autonomia alimentare e senza alcun km segnato lungo il percorso, ma al contrario di quel che si potrebbe pensare, è un viaggio che deve essere organizzato e curato in tutti i suoi aspetti.
L’ allenamento fisico, come correre per ore sui sentieri e nei boschi, non è sufficiente. È necessario allenare anche la forza di volontà per gestire la corsa e le fatiche e ultimo ma altrettanto importante, l’aspetto alimentare.

Ecco allora che il Trail degli Eroi vuole essere anche un trampolino di lancio per far crescere gli atleti in questi tre aspetti: fisico, mentale e alimentare.
Per noi amanti della corsa il trail è un esercizio che ci permette di conoscere il proprio fisico, le proprie emozioni e ci aiuta a capire come sostenere corpo e mente per riuscire a terminare corse che sulla carta sembrano improbabili.
Caratteristica e punto certo del nostro Trail degli Eroi è l’autosufficienza alimentare, aspetto fedele alla cultura e al rito di questo sport. L’organizzazione garantisce ai corridori l’acqua come elemento vitale, ma vuole evitare di intervenire nell’integrazione alimentare personale dell’atleta in gara.

Molti sono gli atleti nuovi che si cimentano in questo tipo di competizioni, e alcuni di essi successivamente si lanceranno in corse a tappe di decine di  km in autosufficienza alimentare con limitate conoscenze rispetto all’integrazione e che cosa fa veramente bene assumere.
In questo senso il Trail degli Eroi vorrebbe essere anche una palestra per accompagnarvi in un mondo affascinante ma allo stesso tempo complesso.